Sanremo 2018, seconda serata tra Sting e Leosini (senza Meta e Moro)

Dopo il debutto record di ascolti della prima serata – 11,6 milioni di telespettatori e oltre il 52% – la seconda serata del Festival di Sanremo è scivolata via senza intoppi, provando a fare i conti con l’assenza di Fiorello.

Michelle Hunziker ha aperto la seconda serata della manifestazione con il desiderio di cantare insieme a Claudio Baglioni “Il pozzo dei desideri” di Biancaneve. Alla fine del brano, raggiunta da Pierfrancesco Favino, la Hunziker ha abbandonato Baglioni al pianoforte: “So’ qua. Vi siete accorti che so’ rimasto qua. E allora andiamo a comincia’… “, ha detto Baglioni dando il via alla gara delle 4 Nuove Proposte.

Il primo ad esibirsi è stato Lorenzo Baglioni con il suo “Il Congiuntivo”.

La seconda nuova proposta a scendere in gara è stata Giulia Casieri con “Come stai“.

E’ stata poi la volta di Mirkoeilcane con “Stiamo tutti bene“.

Ultima nuova proposta della seconda serata del Festival è stata Alice Caioli con “Specchi rotti“.

Dopo l’esibizione delle prime quattro nuove proposte è stato svelato il voto parziale della giuria demoscopica (vale per il 30%) che ha visto al primo posto Alice Caioli, secondo Lorenzo Baglioni, terza Giulia Casieri e quarto Mirkoeilcane.

I tre presentatori della kermesse hanno dato il via alla gara dei big. Ermal Meta e Fabrizio Moro, che avrebbero dovuto esibirsi nella seconda serata, sono stati sospesi dal Festival “in attesa di approfondimenti” da parte dell’organizzazione. Il loro brano “Non mi avete fatto niente” sembra infatti uguale nel testo e nella melodia a “Silenzio”, un’altra dello stesso autore, Andrea Febo, presentata alle selezioni per Sanremo Giovani nel 2016. Meta e Moro, che teoricamente sono ancora in gara, sono stati sostituiti sul palco da Renzo Rubino, estratto a sorte.

I primi ad esibirsi sono state “Le Vibrazioni” con “Così sbagliato”.

La seconda Big in gara è stata Nina Zilli con “Senza appartenere“.

Primi ospiti della serata “Il Volo”, tornati a Sanremo dopo il trionfo del 2015. Standing ovation dell’Ariston dopo la loro l’esibizione sulle note del “Nessun dorma“. Poi insieme a Baglioni hanno omaggiato Sergio Endrigo con “Canzone per te“.

Pippo Baudo ha ripercorso la sua lunga esperienza al Festival di Sanremo, presentato per la prima volta nel 1968, con una lettera aperta. “Vi voglio bene, grazie a tutti” ha terminato così, acclamato dall’Ariston in piedi per lui.

La gara è ripartita con Diodato e Roy Paci con “Adesso“.

Sul palco dell’Ariston salgono poi gli Elio e le Storie Tese con la loro “Arrivedorci“.

Altro ospite della serata è stato Biagio Antonacci che ha cantato il suo nuovo singolo “Fortuna che ci sei” e “Mille giorni di me e di te” in duetto con Baglioni.

Si è tornati alla gara, quindi, con “Imparare ad amarsi” di Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico.

Red Canzian ha interpretato la sua “Ognuno ha il suo racconto“.

E’ tornato poi il momento di Favino mattatore: l’attore si è scatenato sulle note di “Despacito“, dopo una gag in cui ha finto di voler introdurre un momento culturale dedicato alla poesia di Garcia Lorca. Ha vinto però la voglia di ballare e si è lanciato in una danza senza freni con Michelle Hunziker.

E’ stata poi la volta dell’ospite internazionale, Sting, che ha portato all’Ariston “Muoio per te“, la versione italiana di “Mad about you” scritta da Zucchero. Poi sul palco è salito Shaggy e ha cantato con lui “Don’t make me wait“, il loro nuovo singolo che anticipa un album scritto a quattro mani.

L’attesa Franca Leosini ha dato vita a una gag con Claudio Baglioni sulle note di “Questo piccolo grande amore“. Emozionata, ha scelto “Ancora” di Eduardo De Crescenzo come canzone del cuore e Baglioni ne ha cantata qualche verso mentre esce di scena abbracciandola.

La gara è tornata nel vivo con Ron che ha cantato “Almeno pensami“.

Renzo Rubino, che ha sostituito Ermal Meta e Fabrizio Moro, ha riproposto la sua “Custodire“.

Il Direttore artistico Baglioni è salito sul palco intonando “La vita adesso” e viene affiancato dai tre ragazzi de Il Volo.

Si è tornati alla gara, quindi, con Annalisa che ha cantato “Il mondo prima di te“.

La gara si è chiusa con “Lettera dal Duca“, l’omaggio a David Bowie dei Decibel.

La serata è volta al termine con gli ultimi due ospiti: Roberto Vecchioni che ha cantato “Samarcanda” e accennato “Chiamami ancora amore” con cui vinse il Festival nel 2011, e il Mago Forest.

Baglioni ha rivelato il posizionamento per fasce dei 10 Big in gara, in base al voto della giuria della sala stampa, che vale per il 30%. Nella zona blu, la più alta, si sono piazzati Diodato e Roy Paci, Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico, Ron. Nella zona gialla, quella di mezzo, ci sono: Le Vibrazioni, Annalisa, Decibel. Infine nella più bassa, la zona rossa: Nina Zilli, Elio e Le Storie Tese, Red Canzian e Renzo Rubino.

di Redazione Zoom Magazine (photo credits Instagram)

Loading...
Show Buttons
Hide Buttons