Un mondo inesplorato sui tetti di Roma in “Guarda in alto”. Dal 18 ottobre al cinema

Il prossimo 18 ottobre in tutte le sale cinematografiche arriva “Guarda in alto” opera prima di Fulvio Risuleo prodotta da Revok con Rai Cinema.

guarda in altoIl film, che ha debuttato alla Festa del Cinema di Roma 2017 nella sezione Alice nella città ed è stato in concorso al Festival di Rotterdam, vanta come protagonista Giacomo Ferrara, volto noto e molto amato grazie alla sua interpretazione di Spadino in “Suburra”.
“Guarda in alto” racconta la storia di Teco, giovane che lavora come assistente in un forno. Una mattina assiste a un evento bizzarro che lo conduce in un’avventura che si svolge per intero sui tetti di Roma. Come in un road movie, Teco si muove da un palazzo all’altro spinto dalla curiosità scoprendo un mondo e un popolo “sopraterraneo”. Una vera e propria comunità con i suoi abitanti e le sue regole: una banda di bambini mascherati che sfugge dalla realtà degli adulti, un apicoltore eremita tra le rovine romane, una mongolfiera proveniente dalla Francia guidata da Stella, un’affascinante ragazza e molto altro. Teco è stupito da tutte quelle scoperte e di quante sorprese ancora quel mondo possa rivelargli, in fondo è bastato semplicemente seguire l’istinto e guardare in alto.

Classe ’91, il regista Fulvio Risuleo vanta già due riconoscimenti al Festival di Cannes con i cortometraggi “Lievito Madre” e “Varicella”: il primo gli è valso il terzo premio alla Cinéfondation, mentre con l’altro si è imposto alla Semaine de la Critique.

Nel cast, oltre a Giacomo Ferrara, anche attori di fama internazionale come Aurélia Poirier (“La quinta stagione”), Ivan Franek (“Il ragazzo invisibile – Seconda generazione”, “Riccardo va all’inferno”) e Lou Castel che ha lavorato tra gli altri con Bellocchio, Damiani, Monicelli, Festa Campanile, Fassbinder e Wenders.

Molte nel film anche le collaborazioni speciali. Ad esempio le maschere ed il grande murales di 15 metri che appare in tante scene sono dell’artista e fumettista Martoz. Durante la preparazione del film, invece, un altro artista, Giacomo Nanni, ha realizzato delle illustrazioni che hanno ispirato poi le scene del film. Infine, la colonna sonora è firmata dal musicista sperimentale americano Sun Araw, da cui è stato tratto l’album omonimo edito da Goodfellas.

Guarda la clip estratta dal film “Guarda in alto”:

 

Loading...
Show Buttons
Hide Buttons