Al via il Festival Duemila30: il futuro raccontato attraverso il cinema

Come sarà il prossimo decennio? Cosa fare per ottenere il futuro che vogliamo? Cosa può fare il cinema per raggiungere tali obiettivi?

Sono queste le domande a cui sono stati chiamati a rispondere gli studenti della scuola secondaria superiore che hanno partecipato al concorso di cortometraggi Duemila30 – Il nostro futuro con il cinema lanciato dal Festival Quindici19: giunta alla sua quinta edizione, la manifestazione non si svolge come di consueto a Roma ma si sposta a Milano dal 30 novembre al 2 dicembre 2018.

Organizzato dall’associazione culturale Quindici19 in collaborazione l’Unric, Centro Informazioni Regionale delle Nazioni Unite, il contest ha permesso ai ragazzi di partecipare con cortometraggi di qualsiasi genere: dalla clip musicale al documentario, ma anche con il cartone animato.

In palio per i vincitori sono stati messi numerosi premi: da corsi in scuole di cinema a workshop, dalla strumentazione tecnica a esperienze sul set e videomaking sul campo. Tre le categorie in concorso: i Sognatori destinato agli studenti delle scuole secondarie superiori, gli Innovatori per gli studenti universitari e la categoria speciale della Tech Generation.

Il Rettore Gianni Canova, docente di Storia del cinema e Filmologia, è il presidente della giuria che ha visionato oltre mille corti provenienti da 80 Paesi, tra cui India, Iran, Turchia, Taiwan, Venezuela, Colombia, Brasile, Guatemala, Stati Uniti, Messico, Nuova Zelanda, Russia, Algeria, Nigeria, Kenya, Australia, solo per citarne alcuni. Con il professor Canova, i registi Roberto Faenza, André Singer, Brando Quilici e il direttore ISPI Paolo Magri, ma anche i delegati di Green Cross Italia, Unicef, Cesvi, Save the Children.

L’Università IULM oggi 30 novembre, alle 17.00, ospiterà nella Sala dei 146 (Iulm Open Space, via Carlo Bo, 7) la giornata inaugurale della manifestazione per una tavola rotonda con la giuria mentre la cerimonia di apertura si terrà alle 20.00 al Wanted Clan in via Atto Vannucci, 13; sabato 1 dicembre dalle 10.00 è previsto un workshop organizzato dalla Cineteca di Bologna alla Fondazione Feltrinelli mentre alle 16.00 si terrà la cerimonia di premiazione. Domenica 2 dicembre l’appuntamento è ancora al Wanted Clan alle 10.30 per la giornata conclusiva.

(nella foto il professor Gianni Canova, rettore dell’Università IULM, e Lorenzo Biferale, direttore artistico Quindici19)

Loading...
Show Buttons
Hide Buttons