I 30 anni del bambino de “Il sesto senso”: ecco come è oggi

L’attore Haley Joel Osment oggi compie 30 anni. Era il 1999 quando, appena undicenne, calamitò l’attenzione del pubblico e della critica con l’interpretazione del bambino che vedeva “la gente morta” nel film “Il sesto senso” di M. Night Shyamalan. Per quel film, che ebbe un successo colossale, Osment è stato nominato agli Oscar.

Haley Joel Osment il sesto senso

All’età di trent’anni il ragazzino biondo, che iniziò la sua carriera con uno spot tv, è quasi irriconoscibile. La sua figura è arrotondata e i suoi capelli sono diventati castani: solo i suoi occhi dolci sono rimasti gli stessi, gli stessi occhi spaventati che chiedevano aiuto a Bruce Willis in quel film cult.

Dopo aver lavorato con i più grandi del mondo del cinema – tra cui Willem Dafoe ne “L’ultimo treno” e Steven Spielberg in “A.I. – Intelligenza Artificiale” – la carriera del bambino lanciato nell’Olimpo di Hollywood cominciò a rallentare.

Un percorso, quello di Osment, simile a quello di molti ex bambini prodigio diventati presto delle star.

Haley Joel Osment bambino il sesto senso

La sua vita privata è stata costellata da momenti bui, come quando nel 2006 fu vittima di un incidente stradale da lui causato o quando venne sorpreso alla guida della sua auto in stato di ebbrezza ed in possesso di stupefacenti: fu condannato a tre anni di libertà condizionata e a frequentare per 60 ore un corso di riabilitazione per gli alcolisti.

In seguito è riuscito a lasciarsi questo periodo doloroso alle spalle, laureandosi nel 2011 e riprendendo in mano le redini della sua carriera: ha lavorato al cinema nei primi due capitoli della True North Trilogy e interpreta Keenan nella serie Silicon Valley.

di Redazione Zoom Magazine (photo credits Instagram)

 

Loading...
Show Buttons
Hide Buttons